From Italy

All news about Climate Change activities in Italy.

From Poland

All news about Climate Change activities in Poland.

From Malta

All news about Climate Change activities in Malta.

From Germany

All news about Climate Change activities in Germany.

In 5 sessions between March and May 2015, Kopin organised a training course for professional and amateur farmers on climate change and sustainable agriculture. The sessions, which took place in Malta and Gozo, focused on challenges for farmers that are linked to climate change, i.e. water management, soil nutrients, pests and diseases. The trainings were organised as part of the EU co-funded project ClimATE Change and were implemented with the precious help of Koperattiva Rurali Manikata, a farmers’ cooperative based in the North Western part of Malta.

Participants found the sessions really interesting and useful for their everyday work. Moreover, they were glad to have the opportunity to discuss everyday problems and possible solutions with experts in the field and evaluate which were the best for them to face climate-related problems. They were also really happy to have the opportunity to network with other farmers and discuss the promotion of sustainable agriculture with other professionals in the field.

The success of the course in Malta encouraged Kopin to organise a session in Gozo, which took place on 15th May in the Government Experimental Farm Hall in Xewkija. All the participants were satisfied with the lecture, and asked for a similar event to take place again in the future.

Kopin would like to thank Koperattiva Rurali Manikata for the great help provided, but also Dr. Antoine Vella, expert in pests and diseases, Mr. Daniel Grech, lecturer at the MCAST Agribusiness Institute, who specialises in water management, and Mr. Dione Caruana, a renowned horticulturist for their interest in the project and their inspiring lectures.

Kopin hopes to have the same success with the activities which will take place during the two big events in the month of June: EarthGarden and L-Imnarja Festival, during which there will be activities and workshops to raise awareness on the effects of climate change and actions which can be implemented by everyone to face this global challenge.

Lunedì, 01 Giugno 2015 02:00

Kopin at WorldFest

On Sunday 24th May, Kopin took part in the WorldFest 2015 event organised at the Upper Barrakka Gardens in Valletta with a dedicated stall offering theme-related activities to the visitors.

The World Fest is a yearly event organised by the Maltese NGO Koperattiva Kummerċ Ġust to promote Fair Trade and ethical consumption. Organisations and other ethical businesses from around Malta participated by linking their work to this year’s theme: 'Food'. A number of workshops and panel discussions were held addressing the topics of organic production, sustainability and upcycling; stalls selling Fair Trade products and food from other regions of the world were present and the event, which ended with a concert featuring a number of local bands.

Kopin’s team of members and volunteers offered a series of activities throughout the day, aimed at raising awareness among the general public – children, youths and adults alike – about the links between food production, consumption patterns, development and human rights, as well as the importance of sustainability and conscious use of resources in food production within the different existing systems and the role of Fair Trade actors in ensuring quality of products and the respect of workers’ rights worldwide.

During the event, Kopin also promoted a number of initiatives being currently implemented with a focus on topics such as food security, alternative food systems, sustainable production, climate change and small-scale farming, specifically the EAThink 2015 and the ClimATE Change projects.

In the months of March and April 2015 KOPIN is organising a training course for farmers and all those interested in issues related to climate change and sustainable agriculture. In four sessions, experts in the fields of pests and diseases, water management and soil and nutrients will present the challenges posed by climate change on the one hand, and suggest possible solutions on the other. The course is part of the EU co-funded project ClimATE Change and will be implemented with our partner Koperattiva Rurali Manikata.

This course seeks to address everyday challenges faced in Maltese fields, particularly in the context of the islands’ already severe water scarcity that is expected to intensify as a result of climate change. It also aims to inform farmers (both professional and amateur) about the impact extreme weather episodes could have on the Mediterranean region and how one can adapt to them.

Our first speaker, who opened the course on 10th March, was Dr. Antoine Vella, an expert in pests and diseases with a long career at the University of Malta. Mr. Malcolm Borg, lecturer at the MCAST Agribusiness Institute, who specialises in water management, will facilitate the sessions on 24th March and 23rd April. Horticulturalist Dione Caruana will address the vast topic of soils and nutrients on 14th April. All sessions will start at 6pm and end at 8pm in the Parish Hall of Burmarrad. Participation is free of charge. Refreshments will be provided.

More information on this course as well as a detailed programme can be found on the Facebook invite under KORS B’XEJN GHALL-BDIEWA – FREE COURSE FOR FARMERS.

 

Contribution written by Robert Kuenzl

Lunedì, 28 Luglio 2014 02:00

Mediterraneo: il turismo a rischio

Il turismo, la risorsa più importante del Mediterraneo, sembrerebbe a rischio. A mettere in guardia contro l'aumento delle meduse nelle acque del Mare Nostrum negli ultimi trent'anni è un rapporto realizzato nell'ambito del progetto europeo MedSea dall'Aquarium di Barcellona. Nel rapporto si legge che il riscaldamento dell'acqua e la sua acidificazione, dovuta alla contaminazione provocata dalle emissioni di CO2, sono alla base della proliferazione di meduse, che minaccia alcune specie marine e danneggia il settore turistico.

Lo studio segnala che il riscaldamento di mezzo grado delle acque mediterranee e l’acidificazione del 10% nell'ultimo trentennio provocano "una grave disfunzione" degli ecosistemi marini, perché minacciano alcune specie mentre altre, fra le quali le meduse, incrementano la propria popolazione in maniera allarmante, in quanto spariscono i loro depredatori naturali. Gli esperti avvertono che la contaminazione dell'aria sta avendo effetti molto preoccupanti sull'acqua, dato che l'oceano assorbe una parte importante di CO2, all'origine di una pericolosa acidificazione, che "sta avvenendo 10 volte più rapidamente di quella che precedette l'estinzione di molte specie marine 55 milioni di anni fa".

 

Fonte: ANSAmed

Ricerca: Boero F, 2014: Review of Jellyfish Blooms in the Mediterranean and Black Sea, Marine Biology Research.

Did you know that 13 of Malta’s 15 aquifers are too polluted to be used? How is the EU funding sustainable agriculture? How easy is it for our farmers to go organic? How does permaculture preserve soil and water? Which technologies can be exploited to better manage natural resources? How is Malta planning to adapt to scenarios of increased drought? 


These are some of the questions that were addressed on 19 and 20 May 2014 during the workshops KOPIN organised in the framework of the project ClimATE Change.

The workshops entitled “Climate change and agriculture in Malta: Adapting through the sustainable use of resources” brought together stakeholders from government, private, academic and non-governmental sectors. 

The first workshop was aimed at professionals of the farming sector and tackled issues such as water scarcity, the EU’s rural development plan and the shift to organic farming. The second workshop targeted students and their institutions. Here speakers addressed themes such as permaculture approaches, adaptation strategies, innovative technology and research on the perception of local farmers with regard to climate change. 

KOPIN also presented research carried out by the organisation itself and its international partners in Ethiopia and Nicaragua.

The workshops, facilitated by environmental expert and activist Eric Van Monckhoven, were well attended and gave rise to lively debates. 

Giovedì, 24 Luglio 2014 00:00

Sustainable Development in Ethiopia

Presentation delivered by William Grech, Executive Director of KOPIN Malta, during the ClimATE Change Dialogue-oriented Workshop held in Valletta on the 19th of May 2014.

You can download it simply by clicking on the link on the left.

viagra levitra prezzo acquistare on line, Piacenza

Lunedì, 02 Giugno 2014 00:00

“Dossier Clima 2014”

Quanti progressi abbiamo fatto? Secondo la Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, nel "Dossier Clima 2014", l'Italia prosegue verso la riduzione delle emissioni di gas serra. Nel 2012 è stato raggiunto e superato l'obiettivo di Kyoto mentre nel 2013 c’è stata un’ulteriore riduzione delle emissioni che fa ben sperare anche in prospettiva del target del 2020, stabilito dal pacchetto clima-energia.

Il documento prende in considerazione la situazione nazionale ed internazionale rispetto agli obiettivi climatici, ponendo al centro dell’interesse l’effettiva incidenza della crisi economica sul miglioramento delle performances energetiche dell’Italia e dell’Ue il cammino dell’Europa e del mondo in direzione dell’accordo mondiale sul clima, atteso ormai a Parigi nel 2016. Nonostante, infatti, per quanto riguarda l’Italia, sia gli obiettivi di Kyoto sia quelli stabiliti dal Pacchetto clima-energia 20-20-20 dell’Ue possono considerarsi pressoché acquisiti il problema climatico rimane da risolvere.

Nonostante tutti i progressi delle politiche di riduzione delle emissioni le temperature medie annuali negli ultimi decenni sono aumentate più della media mondiale, il Mar Mediterraneo continua a scaldarsi al ritmo di 0,6°C per decade, dal 1850 a oggi i ghiacciai alpini sono diminuiti del 55 per cento e molti ghiacciai minori sono destinati a scomparire già entro il 2050.

Nonostante i segnali negativi il rapporto rileva anche quelli positivi. A partire dal 2005 le emissioni di gas serra hanno visto un’inversione di tendenza e hanno cominciato a diminuire, compresa la quantità di emissioni per unità di Pil prodotto. Gli stessi risultati delle politiche climatiche e della diffusione di un maggior grado di consapevolezza anche da parte di cittadini ed imprese ha cominciato ad ottenere dei buoni risultati.

Per quanto riguarda gli obiettivi al 2020, l’Ue27 ha visto scendere le emissioni dal 1990 al 2012 del 19 per cento ed è probabile che anche questo obiettivo sia stato raggiunto e superato già nel corso 2013. Anche a livello mondiale, pur non disponendo ancora di dati consolidati per il 2012, si può certamente affermare che il target del Protocollo di Kyoto è stato abbondantemente centrato: i paesi industrializzati, compresi quelli che non hanno ratificato il Protocollo, hanno ridotto le emissioni del 14,5 per cento (al 2011) a fronte di un target del 5,2 per cento.  

 

Fonte: Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile

Giovedì, 15 Maggio 2014 00:00

Cambiamenti climatici

I cambiamenti climatici stanno interessando l’intero pianeta causando una serie di ripercussioni sulla società e sull’ambiente. Le temperature stanno aumentando, i regimi delle precipitazioni si modificano, i ghiacciai e la neve si sciolgono mentre il livello medio globale del mare è in aumento. Si prevede che questi cambiamenti continueranno e alluvioni e siccità diventeranno sempre più frequenti e intensi. L'impatto per la natura, per l'economia e per la nostra salute variano a seconda delle regioni, dei territori e dei settori economici nel mondo e in Europa.

Per quanto riguarda il riscaldamento globale, i dati forniti dall’AEA, l’Agenzia europea dell’ambiente, conferma che “la maggior parte del riscaldamento verificatosi a partire dalla metà del XX secolo sia dovuto all'aumento delle concentrazioni di gas a effetto serra, causa delle emissioni provenienti dalle attività umane”. In questo caso la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) ha stabilito l'obiettivo di limitare l'aumento della temperatura media globale rispetto al periodo preindustriale al di sotto dei 2 °C. Questo sarebbe possibile portando le emissioni globali di gas a effetto serra stabilizzarsi nel decennio attuale e ridursi del 50 % entro il 2050.

La preoccupazione per i cambiamenti climatici è una delle maggiori sfide che dovremo affrontare e per quanto riguarda gli europei l’impegno della riduzione delle importazioni di combustibili fossili potrebbe apportare anche dei vantaggi economici.  "Non si tratta di scegliere tra un'economia florida e la protezione del clima" perché "un'azione ragionata a favore del clima corrisponde in realtà a una buona scelta economica". Così Josè Manuel Barroso, presidente della Commissione europea, ha commentato i dati diffusi da Eurobarometro su come la pensano gli europei la cui maggioranza, quasi l'80%, ritiene che il contrasto ai cambiamenti climatici sia decisivo per la ripresa economica e nuovi posti di lavoro.

Nonostante le politiche e gli sforzi volti a ridurre le emissioni, i cambiamenti climatici esercitano una grande pressione sugli ecosistemi, sull’agricoltura, sul settore forestale, sulla produzione energetica e sulle infrastrutture in generale. In questo contesto l’Unione europea da danni è impegnata nella lotta al cambiamento climatico e ne fa una delle priorità del suo programma. Da qui una serie di interventi in politica climatica comunitaria che riguardano la riduzione dei gas serra, di un mercato dell'energia più sicuro e più sostenibile, la politica dei trasporti, l’idea delle imprese responsabilizzate, la buona gestione del suolo e del suo utilizzo, i progetti innovativi e lo sviluppo tecnologico.

Una serie di progetti finanziati dall’Unione europea consentono di promuovere la cultura della partecipazione e del diritto dei cittadini ad incidere sulle politiche della produzione del cibo e della gestione dell’acqua. Uno di questi progetti è il Climate Change che mira a promuovere in Italia, Malta, Polonia e Germania una serie di iniziative pubbliche e di attività di formazione sugli intrecci, sempre più significativi e purtroppo drammatici, tra cambiamenti climatici, accesso al cibo e accesso all’acqua, in termini di diritti per l’umanità intera.

Il progetto Climate Change, promosso da COSPE in collaborazione con la Regione Marche e altri partner europei promuove i beni come beni comuni, e non come mera merce da scambiare sul mercato, proprio nel contrasto agli effetti sempre più devastanti dei cambiamenti climatici, dovuti anche all’azione dell’uomo sulla natura. La povertà, il degrado ambientale e il cambiamento climatico non è una legge di natura, queste sono sfide globali che il progetto cerca di combattere. 

 

Il tema l’Europa e il cambiamento climatico continua il mese successivo!

 

Fonte: Agenzia europea dell’ambiente

Lunedì, 12 Maggio 2014 00:00

Italia e la green economy

Aumentano le rinnovabili e l'efficienza energetica, si producono meno rifiuti, calano le emissioni inquinanti. Questo è quanto emerge dall'edizione 2014 del rapporto di Legambiente "Ambiente in Europa", realizzato in collaborazione con l'Istituto Ambiente Italia e presentato il 7 maggio scorso a Roma.

Dal report emerge che ci sono 700mila gli impianti da fonti rinnovabili distribuiti nel 100% dei comuni italiani. Dal solare fotovoltaico a quello termico, dall’idroelettrico alla geotermia, agli impianti a biomasse e biogas integrati con reti di teleriscaldamento e pompe di calore: Legambiente presenta la mappa dell’energia verde e dell’innovazione nelle reti energetiche italiane, un articolato sistema di generazione distribuita che lo scorso anno ha prodotto la cifra record di 104 TWh e garantito il 32,9% dei consumi elettrici del Paese e il 15% di quelli complessivi. In oltre, emerge che l'Italia consuma meno risorse, meno energia e produce meno emissioni: la produttività di risorse (Pil in rapporto alla quantità di materia consumata) è "migliore del 10% rispetto alla Germania e del 26% rispetto all'Ue"; per non parlare delle emissioni pro-capite di CO2 che sono "inferiori del 23% rispetto a quelle tedesche e del 15% rispetto alla media Ue". Di energia pro-capite ne consumiamo il 32% in meno della Germania e il 19% meno della media Ue. Ma pur essendo competitiva l'Italia mostra "ancora troppi punti deboli", dal "tasso di occupazione tra i più bassi in Europa" alla "mobilità privata preferita a quella pubblica" (nonostante aumentino le vendite di biciclette), all'abusivismo. “I risultati raggiunti dalle rinnovabili nel nostro Paese in termini di produzione e distribuzione nel territorio erano semplicemente inimmaginabili solo 10 anni fa – ha dichiarato Edoardo Zanchini, vice presidente di Legambiente - e dimostrano come gli impianti sono affidabili e competitivi. Ora però non dobbiamo fermarci. L’Italia ha tutto l’interesse a percorrere questa direzione, che permetterà a famiglie e imprese di risparmiare autoproducendo l’energia termica e elettrica di cui hanno bisogno e gestendola in maniera più efficiente”.

Legambiente indica nel suo rapporto anche una serie di proposte per continuare a far crescere le rinnovabili: dagli incentivi premiare per tutti coloro che si rendono autonomi attraverso impianti rinnovabili a regole chiare e trasparenti per l’approvazione dei progetti da rinnovabili fino alla riqualificazione energetica in edilizia con nuove politiche per aiutare a ridurre le bollette, in particolare quella la spesa più consistente che riguarda il riscaldamento, di case, condomini, uffici, edifici pubblici e privati.

 

Fonte: Legambiente

Guarda ora, acquistare il online Bolzano